Storie di affido: un lieto fine

La valigia di Laura non si chiude. Ma lei non vuole rinunciare a nulla: è tutto importante.
Come si fa a chiudere dieci anni di ricordi in una valigia? E' impossibile, dice lei. E non ha tutti i torti.
Quando è arrivata in casa-famiglia, Laura non aveva ancora compiuto 4 anni.
Tant'è che quando le hanno detto che una famiglia aveva voglia di conoscerla, lei si è grattata la testa bionda e non ha capito tanto bene. La sua famiglia è sempre stata qui, a Girotondo.
Girotondo è stata la sua unica casa; una famiglia particolare, parecchio larga, composta da educatori, volontari e altri bambini come lei segnati da storie di abbandono e violenza, ma con sempre tanta voglia di vivere, giocare, fare amicizia. Come tutti i bambini.
A Girotondo Laura ha imparato a leggere, a scrivere e ad ascoltare.
A Girotondo è caduto il suo primo dentino e - sorpresa! - qui ha trovato la sua prima monetina.
A Girotondo Laura è cresciuta: è diventata una piccola donna, allegra e intelligente, ordinata e spiritosa.
Ma a Girotondo Laura ha capito che può avere una famiglia vera, una famiglia tutta per sé.
Adesso, dopo dieci anni, Laura lascia Girotondo e viene affidata a una famiglia che ce la metterà tutta per darle l'amore che merita.
La valigia finalmente si chiude e Laura se ne va. Ci scambiamo un bacio volante e un sorriso pieno di ricordi.
In braccio tiene stretta una scatola che non abbandona mai e in cui conserva, meticolosa, qualsiasi cosa le ricordi un bel momento passato: la carta di una caramella, il biglietti di un tram, la lista della spesa.
Noi di Azul la salutiamo con un dono per lei e per il suo futuro. E una carezza, che arriva da chi ci sostiene.


Soul food for Azul

Al via Soulchef for Azul, il contest culinario che unisce passione per il cibo e solidarietà.

Venerdì 27 marzo al The Room di via Giulio Romano 8 (Milano), food bloggers, cuochi amatoriali e appassionati di cucina si sfideranno proponendo ricette originali ispirate all’Africa Sub Sahariana.
Le ricette saranno valutate da una giura mista composta da esperti culinari, giornalisti e volontari dell’associazione Azul. Le sei ricette migliori saranno preparate durante lo showcooking, al termine del quale verrà decretata la vincitrice.

Il Contest

Food bloggers, cuochi amatoriali e appassionati di cucina sono invitati a partecipare al contest Soulchef for Azul inviando una ricetta che si ispiri all’Africa Sub Sahariana in ogni sua declinazione di cucina, colori, musica, cultura e arte. Le ricette andranno accompagnate da una breve descrizione/racconto del perché rappresentano il cibo dell’anima per l’autore.

Le ricette saranno giudicate da una giura mista di esperti culinari, giornalisti, e volontari dell’associazione Azul. La ricetta vincente comparirà su Affari Italiani www.affaritaliani.it e su Parliamo di cucinawww.parliamodicucina.com corredata da un articolo descrittivo e video del piatto e del suo autore.

Regolamento

Creare una ricetta che contenga i seguenti ingredienti, fondamentali nella cucina dell’Africa SubSahariana: miglio, carote e uova. Oltre agli ingredienti indicati si potranno utilizzare prodotti caseari, verdure, frutta e condimenti e spezie varie. Gli ingredienti aggiuntivi devono essere stagionali e per quanto possibile a km zero.

Vietato l'uso di carne in quanto poco disponibile e non consumata dalle popolazioni Sub Sahariane. La ricetta potrà essere dolce o salata, calda o fredda, a completa discrezione del concorrente.
Saranno ammesse alla gara unicamente le ricette che perverranno agli organizzatori del contest nel periodo compreso tra il 03 Marzo e il 21 marzo 2015. Di tutte quelle pervenute ne verranno selezionate 6 che si esibiranno durante lo showcooking.

Tutti i concorrenti saranno invitati a presenziare all’evento benefico organizzato da Azul al The Room a Milano. In questa occasione i concorrenti selezionati si cimenteranno in uno show cooking per realizzare la loro ricetta in diretta e sottoporla alla giuria. I concorrenti saranno responsabili di portare gli ingredienti necessari per la realizzazione della ricetta. I più comuni attrezzi da cucina e le vettovaglie saranno forniti dagli organizzatori dell’evento, si prega di verificare con gli stessi la presenza di speciali attrezzature necessarie alla realizzazione della ricetta, ove queste non siano già disponibili, sarà cura dei partecipanti fornirle.

Tempo a disposizione per la realizzazione della ricetta durante lo show cooking: 16 minuti.

Criteri di selezione delle ricette

La giuria sarà formata da personalità tra cui esperti di enogastronomia, chef ed esponenti della associazione Azul. I criteri di valutazione delle ricette per la selezione dei 6 concorrenti finalisti sono: creatività, attinenza al tema africano, storia associata alla ricetta.

Per informazioni: www.azulonlus.it www.micultarte.it Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Candidati ora qui!


Azul Onlus al Liceo Classico B. Marzolla di Brindisi

Una giornata tra memoria e volontariato. Il 12 febbraio scorso alcuni volontari di Azul Onlus sono stati ospiti del liceo Classico B. Marzolla di Brindisi, dove hanno “tenuto una lezione” speciale all'insegna della memoria e della sensibilizzazione.
La data coincideva con l'anniversario della scomparsa prematura del Prof. Pietro Barile, docente di lettere nonché fra i primi sostenitori dell'attività di Azul Onlus.
Abbiamo voluto ricordarlo insieme ai suoi studenti, trascorrendo una mattinata a riflettere sull'importanza del volontariato.
I ragazzi, dal canto loro, sono diventati parte attiva: per un anno intero sosterranno a distanza uno degli oltre 60 ospiti del Centre Bethanie di Uvira (Repubblica Democratica del Congo), sordo e muto dalla nascita come i suoi compagni raccolti nella zona del Sud Kivu.
Grazie alla piccola rinuncia quotidiana di uno snack, un bambino avrà la possibilità di studiare e garantirsi un futuro migliore. E di questo il prof. Barile ne sarebbe andato fiero!


Sei qui: Home Cosa facciamo Iniziative